Portami su quello che canta. Storia di un libro guerriero. Padova , 24 settembre 2021

Venerdì 24 SETTEMBRE 2021 ore 20,30

sala Petrarca Multisala PIO X Mpx PADOVA

Via Bonporti 22- Padova

PORTAMI SU QUELLO CHE CANTA, STORIA DI UN LIBRO GUERRIERO

Intorno al Festival dei Matti”, in collaborazione con l’associazione Giuristi Democratici Giorgio Ambrosoli di Padova, la Fondazione Pizzuto e con il sostegno della Fonazione Cariparo presenta un docufilm che testimonia di ciò che è accaduto in Italia negli anni sessanta e settanta, anni nel campo della Salute Mentale: anni di radicali trasformazioni culturali e giuridiche, anni che pesano e che andrebbero fatti pesare oggi nella nostra esperienza della normalità e della follia. nelle memorie che ci abitano, nelle parole rovesciate e rifondate, negli incroci di biografie private e collettive.

Portami su quello che canta, storia di un libro guerriero (https://youtu.be/yMAm4NTj8TEracconta la vicenda del processo allo psichiatra Giorgio Coda, condannato per maltrattamenti ai suoi pazienti della Certosa di Collegno. La rilettura, a distanza di oltre quarant’anni dalla pubblicazione del libro denuncia di Alberto Papuzzi e Piera Piatti Portami su quello che canta, è il punto di partenza per ripercorrere una stagione di impegno civile e di grandi cambiamenti e far conoscere a chi quel periodo non l’ha vissuto, un pezzo di storia recente in cui i “matti” per la prima volta hanno avuto la parola, sono stati ascoltati, considerati dai giudici degni di fede, finalmente cittadini come gli altri.  La vicenda offre inoltre molti spunti in relazione al tema del rapporto tra scienza, medicina e diritto, nonché tra medico e paziente.  Argomenti roventi, sui quali gli operatori della scienza, della medicina e del diritto in questi anni si sono cimentati, con un impegno che è sfociato anche in provvedimenti legislativi destinati a influire in modo rilevante sui rapporti tra i consociati.  Il nucleo centrale del film si poggia sulla lettura di alcuni passi salienti del libro Portami su quello che canta e sulle interviste a:

Alberto Papuzzi autore con Piera Piatti del libro.

Alessandro Perissinotto scrittore che nel suo ultimo romanzo Quello che l’acqua nasconde prende spunto da quei fatti di cronaca.

Mauro Vallinotto fotografo, autore delle immagini che aprono il libro e che con la loro pubblicazione sul settimanale L’ESPRESSO diedero forza alla denuncia e all’apertura del processo.

Gianpaolo Zancan con Bianca Guidetti Serra difensori di parte civile nel processo.

Il contesto storico politico e sociale di quegli anni, ingiustamente etichettati solo come “anni di piombo”, è curato dall’Avv. Claudio Zucchellini, attento conoscitore di quel periodo, che espone in modo puntuale e sintetico i grandi cambiamenti sociali di quegli anni, come ad esempio: il referendum per l’abrogazione della legge sul divorzio, la legge sullo statuto dei lavoratori, la legge sull’aborto e il travagliato percorso della chiusura dei manicomi grazie all’impegno di Franco Basaglia. La documentazione agghiacciante di cosa erano gli ospedali psichiatrici è resa dalle immagini fotografiche di Carla Cerati, Gianni Berengo Gardin e Mauro Vallinotto che, con la complicità dell’Associazione per la lotta contro le malattie mentali, realizzò a Villa Azzurra un reportage rimasto nella storia del giornalismo d’inchiesta di quegli anni.

Saranno presenti in sala e interverranno: Claudio Zucchellini e Marino Bronzino (Autori)

Anna Poma psicoterapeuta e curatrice del Festival dei matti

Leonardo Bruni avvocato del foro di Padova per i Giuristi Democratici di Padova

Evento svolto in osservanza delle norme anticovid. info 335 78 85 890

Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti formazione@giuristidemocraticipadova.it Evento accreditato con 2 crediti formativi in materia di Diritto penale

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, l\\\'utente accetta di utilizzare i cookie. Ulteriori Informazioni | Chiudi
Top