9.11.13 – Abitare la distanza. Incontro con PierAldo Rovatti, ore 16.30

Anna Poma incontra  il filosofo  Pieraldo Rovatti

ore 16,30

Sotto qualsiasi forma si presenti e indipendentemente dalla sua causa,
l’esilio, agli inizi, è una scuola di vertigine.

E. Cioran, Vantaggi dell’esilio. In La tentazione di esistere



L’abitare allude a un punto fermo, al campo corto dei transiti di dentro. All’habitus, all’abitudine, al ripetere, a quanto tiene e rassicura. Non mai alla distanza, meno che meno al distanziare. Che invece parlano l’ altrove, la sorpresa di un mondo che non riusciamo a presagire, a tenere tra le mani. “Abitare la distanza” allora  non  usa il senso stretto, pretende sguardi di traverso, come  l’esistenza che si fa spostandoci e che dobbiamo abitare  appunto senza sosta. “Abitare la distanza” è una figura  dell’esilio, lo spazio aperto che ci spiazza, dentro e fuori,  in cui la follia sente aria di famiglia.

 

 

alt

Scrivi il primo commento

Rispondi

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, l\\\'utente accetta di utilizzare i cookie. Ulteriori Informazioni | Chiudi
Top